Cronaca

19 Mag 2017

Taormina, Disposte le misure di sicurezza e il piano sanitario straordinario per accogliere il G7

Redazione 0 Commenti

Taormina – In occasione del vertice dei Capi di Stato e di Governo nell’ambito della Presidenza del Gruppo dei Paesi più industrializzati,  in programma a Taormina il 26 ed il 27 maggio prossimi, sono state predisposte diverse misure finalizzate ad incrementare i livelli di sicurezza, necessarie in considerazione della partecipazione al meeting dei maggiori rappresentanti dei Governi dei Paesi membri del G7 e dell’attuale contesto internazionale.

I provvedimenti adottati sono il frutto di costanti confronti con i vertici delle Forze di Polizia e con gli attori istituzionali deputati, ognuno per la parte di competenza, alla gestione dell’evento.

Dall’altra parte, anche la Regione Sicilia ha cominciato a predisporre una taskforce di medici e mezzi, un nucleo speciale in arrivo da Roma per la zona rossa e un piano dettagliato di limitazioni al traffico che vedranno una Taormina blindata in quei due giorni. Le misure previste sono le seguenti:

  •  Il piano sanitario speciale per il G7 di Taormina, presentato nelle scorse ore dall’assessorato alla Salute della Regione Siciliana, a Palermo alla presenza dell’assessore Baldo Gucciardi e del referente regionale sanitario del G7 Fabio Genco, prevede 4 posti medici avanzati, 8 mezzi medicalizzati (di cui sei nella zona rossa), 5 mezzi di rianimazione e 12 di soccorso, 1 eliambulanza di ultima generazione, 400 operatori sanitari di tutta la Sicilia addestrati ad affrontare emergenze di tipo Nbcr (Nucleare, Biologico, Chimico e Radiologico) e un team di 120 soccorritori in loco. Questo piano articolato è già approvato dai ministeri degli Esteri e dell’Interno, che partirà da giorno 24 maggio e che sarà esteso praticamente a tutta la Sicilia in cui saranno sospese le ferie del personale sanitario, tutti gli ospedali regionali saranno in pre-allerta, quelli di Messina e Catania saranno in allerta mentre all’ospedale San Vincenzo di Taormina è stato predisposto il Peimaf, il Piano di Emergenza Maxi Afflusso di Feriti (in caso di arrivo di più di cento pazienti contemporaneamente). Il piano sarà finanziato con fondi regionali per circa 500mila euro, anche se la Regione intende chiedere un ristoro al governo nazionale. Tra gli altri mezzi messi in campo ci sono otto ambulanze di trasporto nella zona rossa, una tenda di decontaminazione, un mezzo di trasporto di biocontenimento con 5 barelle di biocontenimento messe a disposizione dalla Croce Rossa, una unità di biocontenimento Bsl 3. Coinvolto personale dell’assessorato alla Salute, delle  Aziende Sanitarie, del 118, del volontariato della Protezione Civile e della Cri per un totale di 10 rianimatori, 16 medici di emergenza, 25 infermieri di emergenza, 60 volontari Dprc e 60 volontari Cri.

 

  •  I limiti alla circolazione riguarderanno in primis tutto il territorio del comune di Taormina. Inoltre, il prefetto di Messina ha disposto dalle ore 00.01 del 22 maggio e fino alle 24,00 del 28 maggio il divieto di trasporto di armi, munizioni, esplosivi e sostanze esplodenti, nonchè di gas tossici, lungo “tutte le strade comunali e provinciali ricadenti nei territori comunali di Castelmola, Giardini Naxos e Taormina; L’autostrada A18 Messina-Catania, in entrambe le carreggiate, fra gli svincoli di Giardini Naxos e Taormina; la S.S.114 ‘Orientale Sicula’, in entrambe le corsie di marcia ricadenti nei territori comunali di Giardini Naxos, Taormina e Letojanni; la S.S.185 ‘di Sella Mandrazzi’, in entrambe le corsie di marcia ricadenti nei territori comunali di Giardini Naxos e Taormina. Tutte le ordinanze prefettizie e sindacali in merito sono sull’Albo pretorio on line del Comune e nella sezione dedicata al G7 del sito della Prefettura di Messina. Limitazioni e restrizioni necessarie per assicurare lo svolgimento del G7 in piena sicurezza potrebbero causare alcuni disagi alla circolazione stradale in attraversamento delle aree prossime al comune di Taormina, sia lungo le arterie della viabilità ordinaria, soprattutto lungo la S.S.114, prossima ai luoghi interessati all’evento, che lungo la viabilità autostradale. L’A18 Messina – Catania, dalla barriera di Tremestieri a quella di San Gregorio, potrebbe, in particolare, essere interessata da misure temporanee di regolazione del traffico, con conseguenti possibili rallentamenti e la formazione di code in carreggiata.

 

  • Previsti controlli e misure antiterrorismo nei varchi di Porta Catania, Porta Messina e nelle aree di transito per l’ingresso in città. Previste inoltre azioni straordinarie dei carabinieri per impedire tentativi di falsificazione dei documenti di riconoscimento e dei permessi di accesso in città, con particolare riferimento alla zona rossa e alle aree riservate del vertice internazionale. Inoltre, nelle prossime ore sarà operativo  un nucleo speciale dell’Arma nella Perla dello Ionio, insieme ad un gruppo di 10 militari specializzati in ambito internazionale nella prevenzione di reati di falsificazione cartacea e monetaria. La Noam (Nucleo antifalsificazione monetaria) è incaricata al controllo delle carte di identità ma anche delle patenti e dei passaporti, grazie agli strumentazioni di ultima generazione di cui uno scanner.
   

Commenti