Cultura

19 Mag 2017

Promosso il “Festival di Città Educativa”. Dal 20 al 31 Maggio.

Redazione 0 Commenti

SIRACUSA – Presentato stamani in conferenza stampa il “Festival di Città Educativa”,  l’evento siracusano dedicato ai bisogni educativi, alla sostenibilità ambientale, nonché all’educazione alimentare e all’innovazione sociale che si svolgerà da sabato 20 a mercoledì 31 maggio.

Presentiamo oggi il Festival di Città Educativa, dopo tre anni di lavoro sul tema “educazione”: dieci giorni di eventi, incontri, wokshop e laboratori, che sono la sintesi di un percorso avviato su , appunto, educazione e scuola, ma in particolare su quattro macroaree, che abbiamo intercettato proprio perchè consapevoli che investire in educazione e cultura, significa investire nel cambiamento di questa città”. Con queste parole l’assessore alle Politiche educative, Valeria Troia, ha iniziato la conferenza stampa di presentazione del programma di “Città Educativa Fest”.
Sono quattro le macroaree di Siracusa Città Educativa – ha ancora detto l’assessore Troia – i bisogni educativi, che raccolgono il tema educazione, disabilità integrazione culturale, piuttosto che dispersione scolastica, il tema della sostenibilità ambientale, un tema tanto caro nonostante le difficoltà del Comune, verso i quali a parte gli strumenti occorre costruire le coscienze che utilizzano questi servizi. Vorrei anche ricordare il tema degli stili di vita, che abbiamo affrontato per l’educazione alimentare con le commissioni mensa , che si è poi allargato nelle scuole, che hanno aderito quest’anno, al progetto “sarò buono con la terra”. Ultimo tema, l’innovazione sociale, ossia il metodo con il quale “Città Educativa” si è approcciato, costruendo processi dal basso per coinvolgere i cittadini , sia nella parte di progettazione , ma anche nella parte di partecipazione attiva. Siamo convinti- ha ancora detto l’assessore Valeria Troia – che esistono cittadini pronti, ne è testimonianza il fatto, che qualche settimana fa all’Anfiteatro Romano, erano tante le associazioni e i cittadini, che si sono impegnati per il bene comune di questa città. Il festival sarà la sintesi dei percorsi e dei progetti portati avanti ma anche delle varie proposte , che negli anni futuri lasceremo alla città”.

   

Commenti