Cronaca Sportello Giovanile

11 Mag 2017

Quest’anno Igf si svolgerà a Montedoro

Redazione 0 Commenti

Montedoro. L’ undicesima edizione dell’Igf quest’anno si svolgerà il 27-28 Maggio a Montedoro. Tutti i giovani e famiglie della diocesi si riverseranno quest’anno a Montedoro. L’arciprete di Montedoro don Salvatore Asaro presenta il programma dell’evento. Il programma prevede il raduno alle ore 19 sabato 27 maggio con l’arrivo del braciare. Alle ore 20 la serenata a Maria e l’Adorazione eucaristica, alle 21 lo spettacolo sotto le stelle. Domenica 28 maggio sarà il clou della kermesse. Alle ore 9 si terrà l’accoglienza, alle ore 9,30 la preghiera iniziale, alle 10 si terrà l’incontro ” Abitare da Cristiani la Storia”, a tu per tu con Giulia Paola Di Nicola e Attilio Danese ( Sposi- Scrittori). Alle 12, 30 si terrà il pranzo. Alle ore 14:30 inizierà la festa insieme con giovani e famiglie con canti e bans. Alle ore 17,30 vi sarà il culmine della giornata con la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo mons. Mario Russotto concelebrata con tutti i sacerdoti della diocesi. << Ad attendere domenica mattina 28 maggio, ai due ingressi del paese, saranno i giovani di Montedoro, – spiega l’arciprete di Montedoro don Salvatore Asaro – ai due ingressi del paese, i quali, nel dare il benvenuto, indirizzeranno le automobili e accompagneranno gli autobus ai luoghi di parcheggio. La giornata si svolgerà interamente in piazza Europa, nella zona antistante la Chiesa. Ad ogni partecipante sarà distribuita una carina del paese con tutte le indicazioni utili, soprattutto circa i luoghi di ristoro e i servizi igienici, che saranno dislocati nelle scuole e in diversi locali comunali. Per i bambini sarà predisposto il servizio di Anmatema, durante la mattinata presso la palestra della scuola. Il pranzo a sacco si potrà consumare nei locali della scuola o all’aperto in piazza Umberto o presso la Villa comunale di Cozzo tondo, nella parte alta del paese. Infine diversi ristoranti e bar offriranno la possibilità di cenare il sabato o pranzare la domenica>>.

Carmelo Sciangula

   

Commenti