Cronaca Riceviamo e Pubblichiamo Salute

31 Mar 2017

Sconto del 10% sulle visite chirurgiche specialistiche per sospetta patologia neoplastica

Redazione 0 Commenti

DELIA  –  Fino al 31 marzo i cittadini residenti a Delia, potranno beneficiare di uno sconto del 10% sulle visite chirurgiche specialistiche, per sospetta patologia neoplastica, presso la Casa di Cura “Regina Pacis” di San Cataldo, in regime ambulatoriale privato. Lo sconto sarà applicato sull’importo totale.

Le visite chirurgiche che potranno avere lo sconto sono quelle di chirurgia generale, senologia, chirurgia plastica ricostruttiva, urologia, ginecologia e ortopedia, a condizione che la visita sia richiesta sulla base di un sospetto di patologia tumorale (benigna o maligna).

La giunta municipale ha autorizzato ieri il sindaco a stipulare la convenzione tra il Comune di Delia e la Casa di Cura “Regina Pacis” per rendere praticabile il beneficio dello sconto.

<<Siamo soddisfatti – ha commentato il sindaco di Delia Gianfilippo Bancheri – per avere stipulato questa convenzione con la Casa di Cura “Regina Pacis”. Si tratta di un’iniziativa che valutiamo molto favorevolmente e che va a sommarsi con le altre azioni a favore del sostegno socio-economico e sanitario della famiglie, in particolare di quelle persone con disabilità o patologie gravi. Le patologie tumorali essendo la seconda causa di morte rappresentano un problema di salute pubblica. Ormai è assodato che i tumori possono essere diagnosticati in tempo e quindi i pazienti possono ricevere le terapie necessarie che portano ad un miglioramento della sopravvivenza e i certi casi alla regressione della patologia>>.

Ogni anno in Sicilia vengono diagnosticati in media 22.667 casi di tumori escluso la pelle di cui 12.183 (53,7%) casi fra i maschi e 10.484 (46,3%) casi fra le femmine sull’intera popolazione siciliana (Fonte: “Registro Tumori di Caltanissetta”).

Tra gli uomini le sedi tumorali più frequenti sono risultate la prostata (16.236 nuovi casi pari al 16,8% di tutti i tumori), il polmone (15.141 casi, con il 15,7%), la vescica (12.981 nuovi casi pari al 13,5%) e il colon-retto (12.499 casi, 13,0%). Per le donne, invece, le sedi tumorali più frequenti risultano la mammella (con 23.386 nuove diagnosi ed una percentuale del 28,7%), il colon-retto (10.861 casi 13,3%), la tiroide (5.369 casi 6,6%) e il corpo dell’utero (4.391 nuovi casi pari al 5,4%).

<<La convenzione – ha detto da parte sua il dirigente dei servizi sociali del comune Rocco Di Caro – va ad aggiungersi alle altre misure di sostegno in corso. Ci permette inoltre di far parte di un programma regionale di diagnosi precoce che avrà delle ricadute positive>>.

Per usufruire della convenzione gli interessati dovranno esibire al momento della visita un documento di identità, la tessera sanitaria e una richiesta del medico curante di visita specialistica per sospetta patologia neoplastica.

   

Commenti