Cronaca

15 Gen 2017

Niscemi. Conclusa la personale di pittura di Venezia e Fontana

Redazione 0 Commenti

NISCEMI. Si è conclusa con un alto numero di visitatori, la personale di pittura “L’ideologia è la maschera della violenza”, di Nino Venezia (niscemese) e Rino Fontana (catanese), ospitata dal 17 dicembre sino al 6 gennaio nella Sala conferenze della biblioteca comunale Mario Gori.

La mostra, patrocinata dal Comune di Niscemi, è stata organizzata dalla Pro Loco, presidente Gaetano Buccheri. Nel contesto della mostra sono stati organizzati tre momenti culturali assai interessanti, che bene si sono incastonati nell’ evento.

L’inaugurazione si è aperta con una performance dello stesso pittore Nino Venezia, “sulla pericolosità delle ideologie elevate a dogmi di vita e guida civile”, a seguire un incontro con lo scrittore e giornalista Salvo Garufi sul ruolo delle ideologie e, infine, una serata, quella clou, dedicata alla figura del folclore siciliano, a cui hanno dato voce, musica e mimica, cantastorie, cantanti e musicisti siciliani.

Protagonisti dell’evento conclusivo, presentato da Francesco Gualato, sono stati l’ultraottantenne cantastorie niscemese Andrea Reale (uno degli ultimi 5 cantastorie siciliani ancora in attività, che oltre alle note ballate siciliane, “canta” poesie del compianto poeta niscemese Mario Gori, che fu responsabile della “Terza pagina” del già Corriere di Sicilia), la cantante folcloristica Morena Parlagreco (che ha cantato un “pezzo” di Rosa Balistreri) accompagnata al pianoforte dal maestro Tanino Preti.

Il momento più emozionante della serata è stato, per il folto pubblico presente, quello dell’esecuzione della conosciutissima ballata popolare “La baronessa di Carini” da parte di Andrea Reale che non ha usato la chitarra per accompagnarsi, ma la musica del pianista Preti. Alla fine il presidente della Pro Loco Gaetano Buccheri si è detto soddisfatto per i risultati raggiunti.

   

Commenti