Politica

15 Gen 2017

Libero Consorzio di Comuni. Le elezioni del 26 febbraio. Ma si teme un nuovo rinvio

Redazione 0 Commenti

CALTANISSETTA – Dopo i precedenti rinvii, si rimette ancora una volta in moto l’iter procedurale per l’appuntamento
con le urne, ora fissato al prossimo 26 febbraio, cui sono chiamati sindaci e consiglieri comunali del Libero Consorzio di Caltanissetta per eleggerne il presidente e il Consiglio. E tutto ciò, mentre da Palermo giungono notizie circa un ulteriore, ennesimo, rinvio di tale scadenza per orientarsi verso un ritorno all’antica, cioè ad elezioni a suffragio popolare e diretto. Il che ovviamente vanificherebbe, ancora una volta, il lavoro preparatorio cui sono comunque costretti fin da adesso gli uffici dopo che al Libero Consorzio nisseno, così
come agli altri dell’isola, è stato notificato il decreto a firma del governatore Rosario Crocetta e dell’assessore regionale alle autonomie locali Luisa Lantieri con cui viene appunto indetta la tornata elettorale di domenica 26 febbraio.
Dunque ripartono gli adempimenti in vista della nuova – e molto probabilmente inutile – scadenza il primo dei quali è quello che prevede che entro cinque giorni dalla pubblicazione del predetto decreto all’albo pretorio del Libero Consorzio, l’assessore regionale
alle autonomie locali provvederà ad istituire, con proprio decreto, l’ufficio elettorale presso lo stesso ente e che dovrà essere composto da quattro funzionari (tre iscritti all’albo nazionale dei segretari comunali e provinciali, e un dirigente comunale con competenze
amministrative).  Le operazioni di voto cominceranno a partire dalle ore 8 di domenica 26 febbraio per concludersi lo stesso giorno
alle ore 22. Lo scrutinio delle schede comincerà il lunedì seguente, con inizio alle ore 8. Tutto questo, in teoria, dato che
dall’Ars potrebbe arrivare intanto l’ennesimo rinvio per dar spazio ad un disegno di legge che, come detto, restituirebbe ai cittadini il voto per la rappresentanza nell’ente di area vasta e verso cui pare vi sia una certa convergenza dei partiti.

   

Commenti